La pulizia dei contenitori in legno

 

La pulizia e la sanitizzazione delle botti in legno

Molta attenzione deve essere dedicata alla pulizia e alla detersione delle botti e dei tini di legno la cui superficie, per la porosità e la ruvidità del materiale di cui sono costruite, è più volte soggetta a contaminazioni da parte di microrganismi e lascia aderire con estrema facilità i tartrati e vari tipi di sostanze coloranti.

Per la pulizia è vivamente consigliato l'utilizzo di trattamenti fisici o chimici a basso dosaggio in quanto le soluzioni usate su altri materiali potrebbero causare danni assai gravi alla superficie del legno.


 

Recipienti di legno nuovi

Per quanto concerne i piccoli fusti in rovere francese o americano (barrique) e le botti in rovere di Slavonia, è necessario riempirli per un giorno con acqua fredda al fine di controllarne la tenuta.


 

Recipienti di legno vuoti

I recipienti di legno vuoti, una volta svuotati del vino, devono essere puliti e conservati con cura se si vuole evitare totalmente la proliferazione di muffe, batteri acetici e lieviti. Si consiglia caldamente di risciacquare con molta acqua e, se si riscontrano la presenza di eventuali depositi di tartrato sulle pareti interne, di effettuare una pulizia meticolosa riempendolo con acqua calda alla temperatura di 60-90°, oppure utilizzando un 'idropulitrice.

Per quanto riguarda fusti o barrique di capacità inferiore a 700 litri si può utilizzare catene d'acciaio inox da far rotolare all'interno del contenitore.

Nel caso in cui con questi metodi non si riesca ad eseguire una pulizia soddisfacente e ottimale, si può usare una soluzione di detergente alcalino all'1-4%, oppure di soda Solvay al 3-5%.

Terminata l'operazione si deve eliminare con velocità la soluzione alcalina e, successivamente, risciacquare con molta acqua per asportare i residui del detergente e lavare con una soluzione poco acida al 2-5% di acido citrico, oppure all'1-2% di acido solforico.

Successivamente si deve risciacquare con abbondante acqua a perdere, quindi lasciare a sgocciolare e asciugare con il cocchiume rivolto in basso se si tratta di botti.

Dopo 3-7 giorni, prima della chiusura ermetica, si consiglia di bruciare all'interno un dischetto di zolfo da 10 grammi ogni 5 ettolitri di capacità; tale operazione va effettuata dopo 30 giorni per tre mesi.

È buona norma conservare le botti in ambienti con un alto tasso di umidità (80%); se il tasso di umidità è inferiore all'80%, è vivamente consigliato di bagnare mensilmente la parete esterna per evitare che il legno si secchi.


 

Botti con odore di aceto

Le operazioni di pulizia delle botti cominciano con il classico lavaggio detartarizzante seguito dall'operazione di sanitizzazione.

Nel caso di aziende che operano utilizzando il vapore, bisogna effettuare una vaporizzazione per 30 minuti o fino a quando la superficie esterna della botte non raggiunga una temperatura di circa 40°.

in caso di impossibilità nell'attuare tale tecnica, si deve usare una soluzione cloro detergente o sanitizzante per legno allo 0,2-0,5%, avendo particolare cura di bagnare bene la superficie interna ed esternamente il cocchiume, i chiusini e le valvole.

Dopo mezz'ora si deve risciacquare con abbondante acqua per asportare i residui di cloro e lavare con una soluzione allo 0,1% di metabisolfito di potassio.

Dopo aver effettuato queste operazioni, attendere un'ora e poi scolare e risciacquare nuovamente.

Nel caso in cui la botte dovesse restare in un periodo impreciso di inattività, dopo averla fatta scolare per 3-4 giorni, è consigliato bruciare al suo interno un disco di zolfo ogni 5 ettolitri di capacità e, quindi, richiuderla ermeticamente.


 

Botti con odore di muffa

Prima di procedere alla pulizia, è buona norma controllare il colore della muffa che si è formata all'interno della botte.

Se il colore della muffa è bianco-giallastro, l'attacco non è grave ed interessa solamente lo strato superficiale del legno. In questo caso, dopo il classico lavaggio detartarizzante, si procede alla sanitizzazione con una soluzione cloro detergente all'1-3% avendo particolare cura di bagnare bene la superficie.

Se il colore della muffa è grigio-verdastro, l'uso dei detergenti non è efficace e, quindi, conviene provvedere a una piallatura delle doghe fino a quando si toglie la parte di legno alterato, successivamente si deve operare una carbonizzazione delle superficie con la fiamma di un bruciatore a gas.

Infine bisogna destinare ad altro uso il contenitore qualora non si riesca ad asportare la muffa o se dovesse persistere il tipico odore.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni su tappi e chiusure:

Fare il vino è un lavoro di passione e farlo bene assorbe molto tempo. La fase del confezionamento è sicuramente la più importante di tutte e, nella maggioranza dei casi, non le si dà il giusto peso. Difatti è soltanto la buona conservazione che Vi permette di gustare il frutto del vostro lavoro.

Labrenta srl è un’azienda di Breganze (Vicenza), leader nella produzione di chiusure per la conservazione ottimale del vino. Questa azienda è specializzata nella produzione di tappi in sughero (tappi in sughero naturale monopezzo e tappi tecnologici micro agglomerati) , tutti testati con il sistema check cork 5 per contrastare spiacevoli problematiche legate all’odore da tappo (conosciuto come TCA). Il sughero utilizzato proviene perlopiù dal Portogallo e dalla Sardegna. Labrenta srl è specializzata nella produzione dei seguenti tipi di tappi:

  • tappi in plastica adatti a tutte le bottiglie in vetro per vino;

  • tappi a corona di ultima generazione adatti a conservare ottimamente tutti i tipi di vini fermi, vini frizzanti o vini spumante;

  • tappo a corona con guarnizione separabile in plastica, che si può tranquillamente smaltire anche nella raccolta differenziata;

  • tappi sintetici (chiamati anche tappi in silicone) di ultima generazione, utilizzati per tappare vini fermi, vini frizzanti e vini spumanti.

In commercio si possono reperire tutte queste tipologie di tappi nelle più svariate dimensioni, colori e mescole.

Tutti gli articoli prodotti vengono sottoposti a severi test di qualità per verificare la loro efficacia di chiusura immediata e, naturalmente, la loro capacità di conservare a lungo il vino.

Visita per maggiori informazioni i seguenti link:

  • tappi speciali e di design per liquori, distillati olio e aceto: www.dysty.com;

Contattateci per conoscere il rivenditore oppure il distributore più vicino alla vostra città scrivendo a info@labrenta.com.


 


 


 

X

Change language

English English
Italiano Italiano