I prodotti chiarificanti

 

Le tipologie di prodotti chiarificanti

In commercio esistono due diverse categorie di prodotti chiarificanti: chiarificanti di natura organica e chiarificanti di natura inorganica.

I chiarificanti di natura organica possono combinarsi con i tannini diminuendo l'astringenza nei vini rossi ed eliminano o prevengono le ossidazioni dei vini bianchi.

I chiarificanti di natura minerale assorbono le proteine presenti naturalmente, e quelle che si sono formate dalle muffe dell'uva che sono la principale causa della casse ossidasica.


 

La bentonite

La bentonite si presenta sotto forma di polvere, di colore bianco o grigio, o di granuli di colore grigio.

La bentonite viene usata nell'illimpidimento del vino e assorbe le proteine e gli enzimi che possono creare, eventualmente, depositi, velature e alterazioni del colore come, ad esmpio, la casse ossidasica.

La dose d'impiego raccomandata può variare dai 10 ai 50 grammi per hl; nei casi rari si può arrivare ai 100-120 gr/hl.

La bentonite va sciolta in acqua fredda nel rapporto 1 kg di prodotto per 10-15 litri d'acqua e lasciata raffreddare per almeno 24 ore prima dell'uso. Infine bisogna aggiungere molto lentamente la miscela al vino senza prendere particolari precauzioni.


 

Il caseinato di potassio

Il caseinato di potassio è un derivato del latte che si presenta sotto forma di polvere dal colore giallo con il tipico odore di latte.

Il caseinato viene usato con i vini bianchi per nella prevenzione ed eliminazione delle ossidazioni; nel trattamento dei vini ossidati ha un effetto decolorante e restituisce al vino un po' di profumo.

La dose consigliata varia dai 5 ai 40 gr/hl. Il caseinato va sciolto, molto lentamente per evitare la formazione di grumi, in acqua fredda nel rapporto di 1 kg di caseinato di potassio per 30 l d'acqua.

Prima di usarlo occorre aspettare alcune ore, quindi bisogna aggiungere la miscela al vino molto lentamente onde evitare la formazione di grumi che potrebbero ridurre l'efficacia.


 

PVPP

Il pvpp è una polvere bianca, atossica ed insolubile, che ha la proprietà di assorbire i tannini e di attenuare i fenomeni di ossidazione dei vini bianchi, rosati e rossi.

Le dosi di impiego variano da 5-10 gr/hl a 30-40 gr/hl, fino alla dose massima decisa dal Reg. CE di 80 gr/l.

Il prodotto viene dosato in maniera diretta nel vino o diluito in acqua a temperatura ambiente. Il pvpp viene impiegato anche durante la filtrazione dei vini mescolandolo alla farina fossile.


 

La gelatina

La gelatina si presenta liquida oppure sotto forma di polvere giallastra ed è indicata per trattare i vini rossi. La gelatina viene usata per eliminare l'astringenza e per rendere più gradevoli i vini rossi giovani.

La dose di gelatina in polvere varia dai 3 gr/hl per i vini poco tannici ai 20 gr/hl per i vini molto tannici e amari.

In caso di gelatina liquida la quantità varia dai 10 ai 40 gr/hl.

La gelatina in polvere va sciolta in acqua calda a 40-50°, nel rapporto di 1 kg di gelatina per 40-50 litri d'acqua, agitando con molta energia.

Quando la gelatina è sciolta la si deve usare immediatamente, avendo cura di aggiungerla lentamente in quanto raffreddandosi rischia di diventare un gel rendendo impossibile il dosaggio.


 

L'abumina d'uovo

Il prodotto commerciale è ottenuto dalla chiara d'uovo e si presenta come una polvere di colore giallino.

Viene utilizzata nella chiarifica dei vini rossi di qualità o dei vini bianchi affinati in legno; la chiarifica del vino eseguita con l'albumina è di qualità maggiore in quanto ammorbidisce i vini senza impoverirli e ne rispetta la finezza.

I piccoli produttori o le aziende che producono vini di buona qualità, per ottenere ottimi risultati, possono impiegare direttamente le chiare d'uovo.

La dose di albumina da utilizzare varia dai 5 ai 20 gr/hl.

L'albumina d'uovo in polvere deve essere sciolta in acqua fredda, mentre la chiara si diluisce in acqua fredda aggiungendo un pizzico di sale grosso e montandola lentamente con un frustino in acciaio inox avendo cura di non fare schiuma.


 

I chiarificanti misti per vini bianchi e rossi

Questa categoria di chiarificanti viene usata per facilitare il trattamento chiarificante. Essi forniscono una qualità meno elevata della chiarifica e alcuni composti non rispettano mai del tutto le qualità del vino, ma hanno il vantaggio della facilità e velocità d'impiego.

Per la dose di impiego e le modalità d'uso si devono seguire le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto.


 

L'utilizzo dei prodotti chiarificanti

Le dosi di impiego dei prodotti chiarificanti variano molto in funzione del riscontro ottenuto dalla prova all'aria, della tecnica di vinificazione, delle caratteristiche chimiche, oltre che della vellatura e tannicità del vino.

I prodotti di chiarifica vanno aggiunti seguendo uno schema preciso in modo tale che svolgano ottimamente la loro funzione.


 


 


 


 

Informazioni su tappi e chiusure:

Fare il vino è un lavoro di passione e farlo bene assorbe molto tempo. La fase del confezionamento è sicuramente la più importante di tutte e, nella maggioranza dei casi, non le si dà il giusto peso. Difatti è soltanto la buona conservazione che Vi permette di gustare il frutto del vostro lavoro.

Labrenta srl è un’azienda di Breganze (Vicenza), leader nella produzione di chiusure per la conservazione ottimale del vino. Questa azienda è specializzata nella produzione di tappi in sughero (tappi in sughero naturale monopezzo e tappi tecnologici micro agglomerati) , tutti testati con il sistema check cork 5 per contrastare spiacevoli problematiche legate all’odore da tappo (conosciuto come TCA). Il sughero utilizzato proviene perlopiù dal Portogallo e dalla Sardegna. Labrenta srl è specializzata nella produzione dei seguenti tipi di tappi:

  • tappi in plastica adatti a tutte le bottiglie in vetro per vino;

  • tappi a corona di ultima generazione adatti a conservare ottimamente tutti i tipi di vini fermi, vini frizzanti o vini spumante;

  • tappo a corona con guarnizione separabile in plastica, che si può tranquillamente smaltire anche nella raccolta differenziata;

  • tappi sintetici (chiamati anche tappi in silicone) di ultima generazione, utilizzati per tappare vini fermi, vini frizzanti e vini spumanti.

In commercio si possono reperire tutte queste tipologie di tappi nelle più svariate dimensioni, colori e mescole.

Tutti gli articoli prodotti vengono sottoposti a severi test di qualità per verificare la loro efficacia di chiusura immediata e, naturalmente, la loro capacità di conservare a lungo il vino.

Visita per maggiori informazioni i seguenti link:

  • tappi speciali e di design per liquori, distillati olio e aceto: www.dysty.com;

Contattateci per conoscere il rivenditore oppure il distributore più vicino alla vostra città scrivendo a info@labrenta.com.


 


 


 

X

Change language

English English
Italiano Italiano